La figu col numero romano.

Screenshot 2017-08-01 17.14.16

Cinque anni fa, ci lasciava all’età di 58 anni Aldo Maldera, ex terzino sinistro del Milan e della Roma, in campo dieci volte con la maglia della Nazionale (tra il 1976 e il 1980, prendendo parte anche al Mundial argentino del ’78 e agli Europei del 1980, in Italia). Esordì in azzurro il 28 maggio 1976, a New York, contro l’Inghilterra, nel Torneo del Bicentenario, indetto per celebrare i 200 anni dell’indipendenza degli Stati Uniti. “Era di un’antica razza italica ormai scomparsa, azzerata da quest’epoca di obblighi tattici e di griglie computerizzate sovrapposte ai campi di calcio“, scrisse Roberto Perrone sul Corriere della Sera. “Aldo Maldera (III), detto “cavallo” (copyright Albertosi: per la sua velocità ingobbita), apparteneva alla gens terzini goleador (…). La sua era una figu con il numero romano: Maldera III. Aveva due fratelli più grandi che erano già nell’ album. I Maldera erano Attilio, Luigi detto Gino (tre stagioni in rossonero) e Aldo “il cavallo” che segnò 9 gol nell’ anno della stella milanista, 1978-79, secondo, nel ruolo, solo all’interista Giacinto che, in un campionato, ne realizzò 10. La famiglia Maldera veniva da Corato, Bari, e si stabilì a Bresso per aprire un negozio di frutta e verdura (…). Maldera giocava con Oriali a Cusano Milanino. Dovevano andare tutti e due all’ Inter, ma i dirigenti rossoneri riuscirono a convincere il padre di Aldo, di fede milanista, a non commettere atti impuri. Goloso di dolci, appassionato di gialli, concluse la sua carriera conquistando un altro scudetto a Roma (1983). E lì alla fine si è stabilito, cuore milanista ma innamorato del clima della capitale e della sua vicinanza al mare (…). Sempre disponibile, gentile ed educato, come quando entrò per la prima volta nello spogliatoio rossonero e diede del lei a Rivera”. Enzo Bearzot pensava a lui come erede di Facchetti ai Mondiali in Argentina, ma gli preferì il giovanissimo Cabrini, riservando ad Aldo solo la finalina con il Brasile. Era “goloso di dolci e appassionato di gialli”. Motivo più che sufficiente, direi, per essere un po’ più tristi, oggi.

Annunci

2 pensieri riguardo “La figu col numero romano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...