I Non-Azzurri: la grande ingiustizia di Virdis

Screenshot 2017-09-09 02.44.30

“La più clamorosa esclusione della storia. Non è mai esistita un’età in cui Virdis non fosse da nazionale. Né da giovane né da trentenne. Il calcio gli ha chiesto spesso di mettersi provvisoriamente nei panni di un altro. È ancora ragazzino quando testa il carattere prendendo il posto di Gigi Riva (6 gol in A e 18 nella B successiva), e come Riva vorrebbe legarsi alla Sardegna. Dice una prima volta di no alla Juve. Poi ci va, torna e va di nuovo, stavolta prendendo il posto di Paolo Rossi che sta scontando la squalifica di due anni: dei bianconeri quell’anno Virdis è il capocannoniere. Supera il tetto dei dieci gol (la soglia dell’eccellenza nei campionati a 16 squadre) a Udine nel 1984, tre anni dopo è capocannoniere della serie A con la maglia del Milan a quota diciassette e poi annullerà gli effetti dell’infortunio di Van Basten segnandone undici nel campionato dello scudetto, con doppietta nello scontro diretto a Napoli. Agli Europei del 1988 c’è una maglia per Rizzitelli, non per lui“.
Annunci

Un pensiero riguardo “I Non-Azzurri: la grande ingiustizia di Virdis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...