Sembra ieri

Screenshot 2018-07-12 15.41.37


Ormai, è una tradizione: arriviamo alle celebrazioni (del titolo Mundial, in questo caso) con ventiquattr’ore di ritardo. Ricordate l’11 luglio 1982? Dove eravate? Con chi? Cosa stavate facendo? Se siete troppo giovani, forse pensate a quella data solo perché ha visto venire al mondo un fenomeno azzurro mancato come Antonio Cassano, un predestinato che ha fallito l’appuntamento con la gloria. Beh, qualunque sia la vostra storia personale (raccontatecela!), quella coppa rappresentò un’emozione incredibile per ciascuno di noi, qualcosa che difficilmente potremo descrivere a chi abbia vissuto solo la vittoria di Berlino: bella e importante, certo, ma quella spagnola fu l’estate di Bearzot e di Pertini. E il colpo al cuore, la gioia, l’adrenalina che ci procurarono i gol di Rossi, le corse di Cabrini e di Tardelli, le magie di Conti, le parate di Zoff, beh, non ce le restituirà nessuno. Sono già trascorsi trentasei anni (e un giorno) ma, come ogni anno, sembra ieri.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...