Mondiali Amputati: grande Italia, ma l’Angola è troppo forte

Schermata 2018-11-02 alle 15.20.20


Niente fare. Gli Azzurri ci mettono l’anima, a San Juan De Los Lagos, ma resistono un tempo soltanto prima di cedere il passo a un fortissimo Angola: 2-0 per gli africani e sogni iridati da rivedere tra quattro anni.
Partenza fortissimo il numero 9 Sonhi, che, in un minuto, tira per tre volte contro la porta italiana. Gli Azzurri prendono le misure agli avversari e provano anche a ripartire in contropiede con Emanuele Padoan: al 17′, prova a servire Daniele Piana in profondità ma il portiere angolano arriva prima sulla palla. Sul capovolgimento di fronte, bella parata con i piedi di Daniel Priami (ancora protagonista), che si ripete un minuto più tardi. Primo tempo sofferto, ma in porta abbiamo un muro. In avvio di ripresa, grande azione di capitan Messori, che recupera palla a centrocampo e triangola con Piana, ma arriva stanco davanti al portiere e tira centralmente. Al 32’, altra azione di Padoan: tiro dalla grande distanza, ma il pallone finisce di poco alla sinistra del portiere. Al 43′, l’Angola segna sugli sviluppi di un calcio piazzato: pallone al numero 10 Antonio, che controlla e lascia partire un rasoterra imprendibile a fil di palo. Gli Azzurri tentano di reagire buttandosi in avantio, ma non trovano spazi. In pieno recupero arriva il raddoppio, ancora sugli sviluppi di un calcio piazzato: dopo un rimpallo, la sfera arriva al numero 3 Manuel, che si libera di Padoan con un’azione piuttosto dubbia (gli Azzurri chiedono fallo, ma l’arbitro non ci sente), e tira un missile alla sinistra di Priami: palo-gol e partita chiusa.


Il ct Vergnani è comunque soddisfatto dei suoi: “I ragazzi hanno dato tutto quello che avevano, sono orgoglioso di loro. Abbiamo tenuto testa per tutta la partita ad un team più attrezzato di noi, che ha tutte le carte in regola per giocarsi il titolo di campione del mondo, proprio come ha fatto quattro anni fa“.


Schermata 2018-11-02 alle 15.18.21


L’avventura dell’Italia al Mondiale, comunque, non termina qui: alle 22 ora italiana (le 15 locali) gli Azzurri scenderanno in campo contro Haiti, in un match che, nel tabellone, attribuisce dalla nona alla sedicesima posizione del ranking mondiale. Quella contro Haiti è una sorta di rivincita del Mondiale 2014, quando le due formazioni si incontrarono agli ottavi di finale. Allora, i centro-americani superarono l’Italia solo ai calci di rigore. In questa Coppa del Mondo, le due squadre hanno dimostrato di essere cresciute molto, passando entrambe il proprio girone a punteggio pieno, ma subendo un sorteggio sfavorevole (Haiti fuori con la Polonia, 1-2).


Schermata 2018-11-02 alle 15.21.06.png


(Foto di Augusto Bizzi)


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...