Una strada per Andrea Fortunato

Schermata 2019-01-23 alle 23.54.33.png

Andrea Fortunato era un giocatore fantastico, l'”erede di Cabrini“, secondo molti; forte fisicamente, dotato di corsa e un potente sinistro. Grande partenza con la Juve, tanto da guadagnarsi l’azzurro: il 22 settembre del 1993, il ct Arrigo Sacchi lo schierò titolare contro l’Estonia, a Tallin, in una gara di qualificazione ai Mondiali americani. Quella, purtoppo, rimase la sua unica presenza: nel maggio dell’anno successivo, gli diagnosticarono la leucemia, male tremendo che lo uccise il 25 aprile del 1995. Ora, il comune di Castellabate, in provincia di Salerno, ha deciso di intitolargli una via, quella che, nella frazione di Santa Maria, conduce al Museo del Calcio Andrea Fortunato.

L’iniziativa è stata sollecitata dalla Fondazione Fioravante Polito (che gestisce il Museo), impegnata nella diffusione del Passaporto Ematico, cioè dell’introduzione anche degli esami ematici tra quelli previsti come obbligatori per ottenere l’idoneità sportiva in età giovanile. La cerimonia di intitolazione è in programma il 28 gennaio.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...