I 100 anni di Valentino Mazzola, il più forte di tutti

Ancora adesso, se debbo pensare al calciatore più utile ad una squadra, a quello da ingaggiare assolutamente, non penso a Pelé, a Di Stefano, a Cruijff, a Platini, a Maradona: o meglio, penso anche a loro, ma dopo avere pensato a Mazzola“.
(Giampiero Boniperti)


schermata 2019-01-26 alle 17.32.19(Torino, 11 maggio 1947: Italia-Ungheria 3-2)


Il 26 gennaio, per i tifosi del Toro, non è una data come le altre. Beh, ammettiamolo, non lo è nemmeno per tutti i tifosi della Nazionale, che si domandano come sarebbe andata in Brasile, nel 1950, con lui in campo a guidare una squadra eccezionale, maglia azzurra e cuore granata. Una data non comune, dicevamo, perchè cent’anni fa, nel 1919, nasceva a Cassano d’Adda Valentino Mazzola. Un fenomeno, un leader, un genio, un artista, un fuoriclasse, un campione entrato nella leggenda il 4 maggio 1949, a Superga.


Schermata 2019-01-26 alle 18.08.04.png(Torino, 16 maggio 1948: Italia-Inghilterra 0-4; Mazzola discute con il portiere e capitano inglese Frank Swift)


Era un calciatore dotato di una incredibile completezza a livello di tecnica individualescrive Aldo Grasso sul Corriere della Sera-, stacco di testa poderoso, vero e proprio direttore d’orchestra in campo. Giocava interno sinistro, il numero 10, esempio della mezzala perfetta, interprete ideale dell’allora schema di gioco del Torino, il sistema, inventato da Borel e Roberto Copernico dirigenti dell’area tecnica. Valentino era un vero e proprio leader, un punto di riferimento per i compagni in campo e fuori dal rettangolo verde. Quando Oreste Bolmida, il mitico trombettiere del Filadelfia, suonava la carica, lui si rimboccava le maniche e non ce n’era più per nessuno. Partiva il mitico “quarto d’ora granata” durante il quale il Grande Torino annientava gli avversari“.


Schermata 2019-01-26 alle 18.01.02.png(Madrid, 27 marzo 1949: Spagna-Italia 1-3, l’ultima di Mazzola in azzurro)


Il più grande di tutti, circondato da campioni, in una squadra grandiosa, tanto che un avversario come Giampiero Boniperti non ha mai nascosto la sua ammirazione, come ha raccontato a Tuttosport: “Il Grande Torino era una grandissima squadra. Io, quando giocavo nelle riserve della Juventus, spesso andavo a vederlo allo stadio perché era uno spettacolo eccezionale. Aveva un complesso di giocatori fenomenale che, secondo me, sarebbero stati grandissimi perfino oggi. Sì, oggi. Perché erano talmente formidabili che si sarebbero adattati a qualsiasi sistema o metodo di gioco. Erano un gruppo unito, un gruppo di amici che nella loro unione trovavano ulteriore forza. Io ho avuto modo di frequentare tanto alcuni di loro, il famoso Trio Nizza, ovvero Martelli, Bacigalupo e Rigamonti ai quali ero molto legato. Sì, sarebbero fortissimi anche oggi, lo dico con l’esperienza dei miei tanti anni di calcio. E Mazzola era l’anima di quella squadra, l’anima grande di un complesso grande. Era potente, di classe, aveva un grandissimo temperamento“. Boniperti conclude commosso: “Gli faccio i miei auguri, li riceverà e spero gli facciano piacere. L’ho sempre ammirato e non vi posso nascondere che è sempre stato un modello per me, anche perché quando sono cresciuto era il più forte di tutti“. Il più forte, sì. Come ha scritto ancora Grasso, “il leader visionario di un grande sogno collettivo“.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...