Quando Bagni diventò papà e perse il Mundial

Salvatore Bagni, nel 1982 aveva 25 anni ed era già un apprezzato centrocampista dell’Inter con 3 presenze in Nazionale A. Questo non bastò a garantirgli un posto al Mundial spagnolo: il suo rendimento, durante la stagione 1981-82, calò anche per via di alcuni problemi famigliari. Bagni parlò con Adriano Stabile (Il Posticipo) di quel “buco”… Continua a leggere Quando Bagni diventò papà e perse il Mundial

Il Mundial e lo strano caso dei due Altobelli

(Madrid: Cabrini, con la Madre di tutte le Coppe, e Altobelli) La finale del Mundial ’82 la ricordiamo tutti, certi particolari sono impressi nella memoria del nostro Paese. Uno di questi è l’infortunio di Ciccio Graziani al 7′: fuori l’attaccante della Fiorentina e dentro Altobelli, autore del terzo gol Azzurro. A questo punto, però, i… Continua a leggere Il Mundial e lo strano caso dei due Altobelli

“L’avrei ammazzato, Bearzot”

Beccalossi sì, Beccalossi no. Il grande tormentone dell’estate ’82 divise l’opinione pubblica italiana tra sostenitori del Beck e del Vecio, tra chi voleva che il magico mancino dell’Inter volasse al Mundial e chi si affidava alla saggezza di Bearzot. A centrocampo, in Spagna, ci andarono Antognoni, Massaro, Tardelli, Oriali, Marini e Dossena, ma il ct,… Continua a leggere “L’avrei ammazzato, Bearzot”

Meglio un asino sano

Ciccio Graziani: «Il dottor Vecchiet, buonanima, mi disse che avrei potuto giocare con un’infiltrazione, ma io capii subito che non ce l’avrei fatta. Così, gli risposi: “Professore, meglio un asino sano che un cavallo zoppo”». Gialappa’s Band: «L’asino, ricordiamolo, era Altobelli!» (La “staffetta” forzata Graziani-Altobelli per la finale del Mundial ’82, a “Mai dire Mondiali“)  

Il Barone, il Vecio e il Presidente

“Il Vecio, o il Bea, come lo chiamavo io, (era) un secondo padre. La sua Italia del ’78 meritava il Mondiale, ma doveva vincere l’Argentina… Un Mondiale politico. Capivamo che qualcosa non andava, ovunque avevamo poliziotti alle costole, però non immaginavamo le torture, gli omicidi di Videla e compagnia. In quel Mondiale il Vecio commise… Continua a leggere Il Barone, il Vecio e il Presidente

I Non-Azzurri: Beccalossi, il “trombettiere”.

“L’avrei ammazzato, Bearzot. Poi, l’ho capito: se mi convocava, l’opinione pubblica avrebbe spinto perché giocassi titolare. Il ct aveva il suo gruppo, non poteva permettersi altri casini, poi io non ero proprio il suo tipo di giocatore. E sono talmente sfigato che tutti sanno come andò a finire: l’Italia vinse il Mundial e io, che… Continua a leggere I Non-Azzurri: Beccalossi, il “trombettiere”.

Che vergogna.

Lo scorso ottobre, la decisione della Federazione Italiana Gioco Calcio di sottoscrivere un accordo di partnership facendo diventare Intralot del gruppo Gamenet (concessionario di Stato per scommesse, slot, etc, con un fatturato in crescita dell’8,5% e una raccolta di denaro da “giochi” di 3miliardi di euro) “Premium Sponsor” della Nazionale fece molto discutere. Il Centro… Continua a leggere Che vergogna.