Le dimissioni di Bearzot

Bel lavoro di Ernesto Consolo per Soccernews24 (7 ottobre 2018). Quel giorno a Santa Margherita Ligure, chi cerca il signor Enzo Bearzot, non lo trova. Un gigantesco ascesso al dente ha deformato la sua faccia ossuta e lo ha costretto a letto. È il primo raduno post-Europeo della Nazionale, ci sono tutti. Lui si fa imbottire… Continua a leggere Le dimissioni di Bearzot

Brasile 2014: la Nazionale ai tempi di Breaking Bad

Il 9 giugno 2014, a tre giorni dall’esordio di San Paolo con Brasile-Croazia, Simone Vacatello scrisse per Crampi Sportivi un pezzo divertente e lisergico sui Mondiali brasiliani (La Nazionale ai tempi di Breaking Bad). Non possiamo riproporvelo tutto, ma sarebbe un delitto non ricordarlo (per lo meno) con qualche passaggio. Lo sport è narrazione e parabola… Continua a leggere Brasile 2014: la Nazionale ai tempi di Breaking Bad

Calcioscommesse: Paolo Rossi, all’inferno e ritorno

“Io sono sempre stato convinto della sua innocenza, ma non è questo il punto. La giustizia aveva stabilito che era colpevole e lui pagava il suo debito senza invocare sconti. Ci pensai a lungo in quell’inverno che precedeva il mondiale di Spagna e prima ancora di affrontare la questione in termini tecnici mi prospettai il… Continua a leggere Calcioscommesse: Paolo Rossi, all’inferno e ritorno

I Non-Azzurri: quando Manfredonia buttò via (anche) i Mondiali

“Potevano essere quaranta maglie azzurre. Purtroppo, sono rimasto a quattro perché nella spedizione nel 1978 in Argentina ho avuto qualche problema, per colpa mia, perché, essendo molto giovane, avevo un carattere molto impulsivo, e potevo aspettare un attimino il mio turno. Bearzot non me l’ha concesso, e poi nelle successive convocazioni non mi convocò più“.… Continua a leggere I Non-Azzurri: quando Manfredonia buttò via (anche) i Mondiali

Se Beppe Signori non fosse innocente

(Dalla bacheca Facebook di Monia Bracciali) Nel luglio del 2017, parlando ai microfoni di Radio Incontro Olympia, l’ex attaccante della Lazio e della Nazionale Beppe Signori sfogò tutta la sua amarezza: “C’è il rischio che il mio processo possa andare in prescrizione, sono passati sei anni. Io voglio questo processo, perché sono innocente. Se questo… Continua a leggere Se Beppe Signori non fosse innocente

Bearzot, ora basta!

Il 12 ottobre del 1980, all’indomani del deludente esordio nelle qualificazioni al Mundial Spagnolo, La Gazzetta Sportiva esce con una prima pagina feroce: il ct che, meno di due anni dopo, sarebbe diventato l’eroe di Madrid, è oggetto di critiche forse eccessive (“O cambia rotta o lascia la nave“). Ma il 1980 è un anno… Continua a leggere Bearzot, ora basta!