Boban: “L’Italia ha tradito il talento”

Chi non ricorda Zorro Boban non conosce il calcio, è chiaro. Oggi vicesegretario generale della FIFA, l’ex fuoriclasse del Milan e della Nazionale croata non ha mai nascosto l’amore per il nostro Paese. Come risulta evidente da una bella intervista di Fabio Licari, pubblicata il 13 novembre 2014 dalla Gazzetta dello Sport. Sacchi, ct vent’anni… Continua a leggere Boban: “L’Italia ha tradito il talento”

Usa ’94: gli Azzurri da New York a Tallinn

(Immagine: Wikipedia) Il 10 dicembre 1991, La Repubblica pubblicò due pezzi da New York, sede dei sorteggi preliminari di Usa ’94, per presentare le difficoltà degli organizzatori, l’ego smisurato di Matarrese, i buoni rapporti con il vecchio Sepp, le preoccupazioni di Sacchi, il girone degli Azzurri e, in particolare, la più giovane delle nostre avversarie,… Continua a leggere Usa ’94: gli Azzurri da New York a Tallinn

L’Italia e le piccolissime

Partendo dalla gara di ieri contro i volenterosi ma modesti liechtensteiniani, il fuoriclasse Jvan Sica ci racconta cinque belle storie legate ad altrettante partite dell’Italia contro “piccole” avversarie: dal “vaffa” di Chinaglia contro Haiti alle perle di Roberto Baggio contro San Marino, Sica (su Fox Sports) ci regala una bella carrellata di incontri, “cenerentole” e… Continua a leggere L’Italia e le piccolissime

E Franco Baresi disse: “Pirlo? Il più grande di tutti”

“Un re è re per sempre anche se è costretto a scendere dal trono. E chi deve abdicare lo fa meno a malincuore se l’erede è degno e se, soprattutto, viene dalla stessa casata. E ha le stesse origini nobili: la provincia di Brescia. Stasera a Genova, nell’amichevole con gli Stati Uniti, Andrea Pirlo stacca… Continua a leggere E Franco Baresi disse: “Pirlo? Il più grande di tutti”

Quando Bernardini tamponò il duce

(Fuffo Bernardini) “La ribalta è dominata dall’incidente ai pozzi Ual-Ual, confine fra l’Etiopia e la Somalia. Lo strepitio della stampa rivela le mire del regime sull’impero del Negus Neghesti, Hailé Selassié. Bisogna, tuttavia, convincere Francia e Gran Bretagna a concedere il via libera. Per discuterne, il ministro degli Esteri transalpino Laval giunge a Roma il… Continua a leggere Quando Bernardini tamponò il duce

I Non-Azzurri: Edorado Pasteur, che arrivò troppo presto

(Edorado Pasteur) Ci siamo già soffermati, in passato, su questo pezzo di Angelo Carotenuto per la Repubblica, Dieci italiani più uno che avrebbero meritato la Nazionale (la sua rubrica si intitola Il Puliciclone), così come abbiamo raccontato spesso le vicende di quei calciatori esclusi dai ranghi Azzurri nonostante carriere che avrebbero merittato un riconoscimento. In… Continua a leggere I Non-Azzurri: Edorado Pasteur, che arrivò troppo presto

Francesca Fioretti, una “vedova di serie B”

Come tutti sapete, il 4 marzo di un anno fa, Francesca Fioretti perse il compagno, Davide Astori, difensore della Fiorentina e della Nazionale. Ora, Malcom Pagani la intervista per Vanity Fair: un bel pezzo, anche se -come è ovvio- il tema del dolore resta centrale e, nonostante lei stessa abbia voluto parlarne alla stampa, preferiamo… Continua a leggere Francesca Fioretti, una “vedova di serie B”

Dario Hubner, dai rimpianti Azzurri alla musica di Calcutta

Venezia è bella ma non è il mio mare Il treno è fermo Io sono stufo di aspettare In questo mondo ch’è Pieno di lacrime Io certe volte dovrei fare Come Dario Hübner E non lasciarti a casa mai A consumare le unghie (Calcutta, “Hubner“)   (Dal minuto 4.33) “Il rimpianto della mia carriera? Non… Continua a leggere Dario Hubner, dai rimpianti Azzurri alla musica di Calcutta

Mundial ’86 senza Martellini, tachicardia d’alta quota, tocca a Pizzul

“Omar Sivori, una sera, si presentò alla “Domenica Sportiva” con una foto in mano chiedendomi meravigliato: “Bruno, ma questo eri tu? Quanti tunnel ti feci?”… E io: se è per questo neanche uno. E il solito Sivori concluse: “Se lo sapevo che diventavi Pizzul il giornalista te ne avrei fatti 40 di tunnel”. (Bruno Pizzul)… Continua a leggere Mundial ’86 senza Martellini, tachicardia d’alta quota, tocca a Pizzul

Angelo Peruzzi: né terzo, né primo

Chiamatela tradizione, chiamatela coincidenza, chiamatela come vi pare, fatto sta che, dal Mundial di Spagna a quello a stelle e strisce del 1994, il terzo portiere della Nazionale Azzurra di ciascun Mondiale di calcio si ritrovò a indossare la maglia da titolare in quello successivo. Giovanni Galli, dietro Zoff e Bordon nel 1982, finì in… Continua a leggere Angelo Peruzzi: né terzo, né primo