I rigori vanno tirati come li tirava Pandolfini

(Firenze, 18 maggio 1952: Italia-Inghilterra, Pandolfini è il primo accosciato da destra) Il ricordo più bello di Pandolfini, anche se di sponda, ce lo regala, al solito, lo scrittore fuoriclasse Emanuele Santi: “Non mi ricordo se avevo 10 o 11 anni, e nemmeno se fosse stata Villa Pamphili o Villa Borghese. Mi ricordo soltanto un… Continua a leggere I rigori vanno tirati come li tirava Pandolfini

Quando Giacomo Zunico sognò la Nazionale

“Nella mia infanzia i campi di calcio erano un’utopia e dovevamo ingegnarci per giocare. Così si finiva per organizzare partite su campi di fortuna come quelli in terra battuta o sabbia, oppure per strada con le macchine che ogni tanto interrompevano il gioco. Escoriazioni molte, però nonostante queste il giorno dopo eravamo di nuovo in… Continua a leggere Quando Giacomo Zunico sognò la Nazionale

Italia-Portogallo in due parole

L’Italia di Mancini ha giocato una buona partita ma lo 0-0 ci esclude comunque dalle prime quattro. Lo avrete letto e ascoltato alla nausea, da sabato sera in poi, quindi ci limiteremo a due battute, quelle di Massimiliano Zulli e di Emanuele Santi: se non li conoscete, cercateli in rete. Male non vi farà. A… Continua a leggere Italia-Portogallo in due parole

Se il Capitano batte Marazico

“Totti sopravvalutato, mille volte meglio Conti“. Nasceva così, con la provocazione di un lettore, l’idea di un piccolo sondaggio sulla pagina Facebook di Troppo Azzurro per scoprire cosa i tifosi della Roma (beh, soprattutto loro) e della Nazionale pensassero di due dei più grandi calciatori della storia. Insomma, chi vi è rimasto nel cuore? Meglio… Continua a leggere Se il Capitano batte Marazico

Andarci vicino conta solo a bocce.

Andarci vicino conta solo a bocce, già. La prima è andata, male, peggio di quanto temessimo. Resta San Siro, lunedì, a tenerci ancorati al sogno Mondiale. In attesa della serata di Milano, O mia bela Madunina, etc, raccontiamo questo pessimo Svezia-Italia attraverso le parole migliori (secondo me, almeno) che vi siano passate per la testa… Continua a leggere Andarci vicino conta solo a bocce.

Non sarà una Ventura.

“Un Paese con 50 milioni di commissari tecnici, e sulla panchina dell’Italia ci finisce Ventura. Se non è sfiga questa“. (Matteo Grandi) Arriva anche il momento di Israele, non proprio una squadra materasso ma, di certo, l’avversario migliore per cercare di capire se l’Italia sia ancora in piedi, per capire se la battuta di Emanuele… Continua a leggere Non sarà una Ventura.

Mai rinnovare il contratto a un ct non qualificato.

Io ho tre figlie, raramente vedo partite in diretta, a casa. Infatti, anche questa Spagna-Italia mi tocca quasi a mezzanotte. Se questo non è amore per la Nazionale, gente, non saprei proprio cos’altro possa essere. Comunque, vista l’ora, lascerò a un collage concettuale (il titolo, intanto, l’ho rubato a Jvan Sica) il compito di commentare questo… Continua a leggere Mai rinnovare il contratto a un ct non qualificato.