E Mancini tremò parlando di staffetta

Il nostro ct “ufficiale” -così come tutti gli altri 60 milioni di commissari tecnici sparsi per il Paese- è in attesa del sorteggio di sabato 30 per i gironi di Euro 2020. Una volta, però, il Mancio agli Europei ci andò anche da giocatore. Erano ancora tempi di blocchi contrapposti (infatti, si giocava in Germania… Continua a leggere E Mancini tremò parlando di staffetta

Vialli al bivio

“Vialli? Rientra in un’idea progettuale di rilancio del Club Italia –ha ribadito, qualche giorno fa il presidente Gravina-. Gli ho proposto di fare il capo delegazione. Oltre a Gianluca, ho pensato di istituire la sezione delle legends, i nostri campioni e i 4 Palloni d’Oro: un gruppo che sia testimonianza della memoria storica del calcio… Continua a leggere Vialli al bivio

Mandavamo avanti Mancini, con le ragazze

“Io dormivo con Roberto Mancini. Ma dopo che mi fratturai il naso, iniziai a russare. E lui chiese di cambiare stanza… Riti? Un toast e una Coca-Cola, come spuntino di mezzanotte, alla vigilia di ogni partita. Uscivamo insieme. Lui era il bello. Veniva mandato in avanscoperta davanti alle ragazze. Poi arrivavo io che, dovendo contare sulle… Continua a leggere Mandavamo avanti Mancini, con le ragazze

Fuori i “Gemelli”.

“(Mancio da calciatore era fortissimo, ma non il più forte) quando era leader della Sampdoria, ma non riusciva neppure a farsi convocare in Nazionale. Ci sono aneddoti e leggende. Si racconta di Arrigo Sacchi che avrebbe trombato sia lui sia Vialli con il consenso di alcuni giocatori importanti come Maldini e Costacurta. Si dice di… Continua a leggere Fuori i “Gemelli”.