1988, l’Italia ridicola

“KWANGJU  – Ci mancava giusto Kalusha Bwalya (che fa rima con Italia) alla galleria dei Giustizieri Sconosciuti. Kwangju come Middlesbrough, anzi peggio. Bwalya come Pak Doo Ik, anzi meglio. La Corea, nord e sud, è il filo che unisce le pagine del libro nero, l’odontotecnico e l’ex minatore, le terrificanti magre dell’Italia di Fabbri e… Continua a leggere 1988, l’Italia ridicola

Messico ’86, il Mondiale delle panchine abbandonate

Lo scarso carisma di Sir Alex Ferguson e il contratto del Vecio per Italia ’90: un pezzo di Repubblica dal Mundial messicano, con alcune chicche imperdibili. CITTÀ DEL MESSICO – Come le foglie in autunno cadono gli allenatori con i Mondiali di calcio. Una vera strage, testimoniano le cifre. Delle sedici squadre già rispedite a… Continua a leggere Messico ’86, il Mondiale delle panchine abbandonate

Bettega, un Mondiale si perde anche così

Penna Bianca racconta scandendo parole e concetti senza imbarazzo. Come quando giocava al calcio, tranquillo e sicuro. È stato, fino a pochissimo tempo fa, calciatore di lusso, Roberto Bettega: bravo da far paura, bravo da morire, jellato a tal punto da mancare il “suo” appuntamento con la “sua” nazionale: quello di Spagna. Bearzot attese l’ultimo… Continua a leggere Bettega, un Mondiale si perde anche così

“A me pare che Bearzot sia un po’ matto”: Gianni Brera, felice di sbagliare pronostici

Il 9 luglio del 1992, la Repubblica pubblicò questa articolo curioso e divertente: è la rievocazione che Gianni Brera fece della vittoria Mundial e delle scelte di Bearzot di un decennio prima. “ANDIAMO a Barcellona, allora. In Messico, nel ’70, siamo arrivati al secondo turno segnando la miseria d’ un gol (ciabattata casuale di Domenghini… Continua a leggere “A me pare che Bearzot sia un po’ matto”: Gianni Brera, felice di sbagliare pronostici

Evaristo Beccalossi, piccola ossessione di Bearzot

Evaristo Beccalossi? Angelo Carotenuto, ne Il Puliciclone, ci racconta che “Non fu giocatore da Bearzot“. Eppure, “del ct Mundial divenne a lungo una piccola ossessione“. Gran giocatore il Becca, ma la sua storia in Azzurro si limitò a qualche comparsata con l’Under 21 e con l’Olimpica. “Tocco di palla incantevole –prosegue Carotenuto-, estro, fantasia, dribbling,… Continua a leggere Evaristo Beccalossi, piccola ossessione di Bearzot

Euro Under 21: lo striscione per Regeni “non sarà mai più esposto”

“Anticipando le polemiche che continueranno a susseguirsi ad ogni batter di ciglio, comunico che lo striscione non verrà più esposto né a Trieste né in altre sedi di Regione“. Lo saprete già tutti: il tradizionale manifesto giallo di Amnesty International con la scritta “Verità per Giulio Regeni“ -il ricercatore friulano torturato e ucciso in Egitto-… Continua a leggere Euro Under 21: lo striscione per Regeni “non sarà mai più esposto”

Bocca: “Quagliarella e De Rossi top, Insigne flop”

La Repubblica stila la classifica dei 5 “promossi” e dei 5 “bocciati” della stagione appena conclusa. Ecco i nomi degli Azzurri (presenti e passati) nell’elenco di Fabrizio Bocca. TOP 5 1 – Quagliarella È stato giusto che la classifica marcatori l’abbia vinta lui: 26 gol, 5 più di Ronaldo. Indelicato farlo notare, ma è così.… Continua a leggere Bocca: “Quagliarella e De Rossi top, Insigne flop”

Gigi Riva: “Quando torno spero di trovare un terzino che meni”

Da una splendida intervista di Gianni Mura a Rombo di Tuono (La Repubblica, 5 novembre 2004). “Quando Riva indossò per la prima volta la maglia numero 9 e si ruppe per la prima volta una gamba (la sinistra) a Roma, il 27 marzo del ’67, lo andai a trovare. Stanza 126 del Policlinico Italia. “Vuoi… Continua a leggere Gigi Riva: “Quando torno spero di trovare un terzino che meni”

Usa ’94: gli Azzurri da New York a Tallinn

(Immagine: Wikipedia) Il 10 dicembre 1991, La Repubblica pubblicò due pezzi da New York, sede dei sorteggi preliminari di Usa ’94, per presentare le difficoltà degli organizzatori, l’ego smisurato di Matarrese, i buoni rapporti con il vecchio Sepp, le preoccupazioni di Sacchi, il girone degli Azzurri e, in particolare, la più giovane delle nostre avversarie,… Continua a leggere Usa ’94: gli Azzurri da New York a Tallinn

I Non-Azzurri: Edorado Pasteur, che arrivò troppo presto

(Edorado Pasteur) Ci siamo già soffermati, in passato, su questo pezzo di Angelo Carotenuto per la Repubblica, Dieci italiani più uno che avrebbero meritato la Nazionale (la sua rubrica si intitola Il Puliciclone), così come abbiamo raccontato spesso le vicende di quei calciatori esclusi dai ranghi Azzurri nonostante carriere che avrebbero merittato un riconoscimento. In… Continua a leggere I Non-Azzurri: Edorado Pasteur, che arrivò troppo presto