I rigori vanno tirati come li tirava Pandolfini

(Firenze, 18 maggio 1952: Italia-Inghilterra, Pandolfini è il primo accosciato da destra) Il ricordo più bello di Pandolfini, anche se di sponda, ce lo regala, al solito, lo scrittore fuoriclasse Emanuele Santi: “Non mi ricordo se avevo 10 o 11 anni, e nemmeno se fosse stata Villa Pamphili o Villa Borghese. Mi ricordo soltanto un… Continua a leggere I rigori vanno tirati come li tirava Pandolfini

Non correva buon sangue tra Pozzo e Bernardini

Il 28 dicembre del 1905, nasceva a Roma Fulvio Bernardini, grande calciatore, uomo brillante e tecnico vincente. Debuttò in Azzurro il 22 marzo 1925 (7-0 alla Francia, in amichevole), primo giocatore romano e centromeridionale a giocare in Nazionale. Prese così parte alle Olimpiadi del 1928 conquistando la medaglia di bronzo, ma rimase clamorosamente fuori dalle… Continua a leggere Non correva buon sangue tra Pozzo e Bernardini

Se Pierino Prati fosse nato in Svizzera

Il grande Pierino Prati compie oggi 72 anni e noi lo festeggiamo riproponendo un bel pezzo dedicatogli da Storie di Calcio: la rivalità con Riva, i rimpianti in Azzurro, ma anche la vittoria degli Europei all’Olimpico, nella non sempre felicissima storia d’amore tra la Nazionale e uno degli attaccanti più forti di sempre del calcio… Continua a leggere Se Pierino Prati fosse nato in Svizzera

I Non-Azzurri: quando Manfredonia buttò via (anche) i Mondiali

“Potevano essere quaranta maglie azzurre. Purtroppo, sono rimasto a quattro perché nella spedizione nel 1978 in Argentina ho avuto qualche problema, per colpa mia, perché, essendo molto giovane, avevo un carattere molto impulsivo, e potevo aspettare un attimino il mio turno. Bearzot non me l’ha concesso, e poi nelle successive convocazioni non mi convocò più“.… Continua a leggere I Non-Azzurri: quando Manfredonia buttò via (anche) i Mondiali

Francesco Totti e quel piagnone di Nedved

Nell’autobiografia appena pubblicata, “Un capitano“, Francesco Totti parla (anche) di Pavel Nedved, suo avversario in tante sfide con Lazio e Juventus, ma anche in una gara decisiva tra Azzurri e cechi, ai Mondiali 2006: “Sul gol di Materazzi stringo i pugni e corro ad abbracciarlo, è un gol importante perché nei primi minuti la Repubblica… Continua a leggere Francesco Totti e quel piagnone di Nedved

Tanto c’è Tancredi

Franco Tancredi? “Para in tutti i modi. Non è alto, ma salta come una molla. Palletta qualcuno lo chiama. Quando esce -scrive Luca Pelosi su Il Romanista–, non ha paura di niente. Tutta Italia lo ammira. Tutta Italia lo vuole titolare della Nazionale ai Mondiali del Messico 1986, tranne Enzo Bearzot, che inspiegabilmente gli preferisce… Continua a leggere Tanto c’è Tancredi

Guido Masetti, che vinse due Mondiali senza mai giocare

“Oltre al compianto Gilmar, scomparso domenica a 83 anni (il 25 agosto 2013, ndr), altri due portieri hanno conquistato due titoli Mondiali. L’azzurro Guido Masetti (numero 1 della Roma, ndr) e il brasiliano Carlos Josè Castilho. Castilho è stato il primo brasiliano ad essere selezionato per quattro mondiali consecutivi. Appena 23enne fece la riserva a… Continua a leggere Guido Masetti, che vinse due Mondiali senza mai giocare

Picchio, ricordati che non si può sbagliare

(Immagine: Picchio De Sisti, accosciato, secondo da sinistra, accanto ad Anastasi) Il 10 giugno del 1968, allo Stadio Olimpico di Roma, Italia e Jugoslavia scendono in campo per la seconda volta in due giorni: dopo l’1-1 della prima Euro finale (con reti di Domenghini e Džajić), le due Nazionale sono costrette alla tanto temuta ripetizione.… Continua a leggere Picchio, ricordati che non si può sbagliare